Home page
Fotogallery
Videogallery
Dicono di noi
Links e Ringraziamenti
Contatti e Info
Un ricordo speciale
La Protezione Civile
Incendi Boschivi real time

 

Gestione dell'emergenza

Allertamento

Con la Direttiva nazionale del Presidente del Consiglio dei Ministri in materia di allertamento per rischio idrogeologico ed idraulico (d.p.c.m. 27.02.2004), tutte le Autorità di protezione civile ed i Presidi territoriali sono stati inseriti in una catena di comunicazioni predefinite allo scopo di allertare per tempo le strutture preposte a tutelare la popolazione investita da potenziali eventi calamitosi.

In base alla Direttiva regionale sull’allertamento per i rischi naturali (d.g.r. n°8/8753 del 22.12.2008 - BURL n. 16 del 27.01.2009, 1° suppl. str.) l’allerta verrà diramata per i seguenti rischi naturali, che possono presentarsi anche in modo combinato: idrogeologico, idraulico, neve, temporali intensi, vento forte, valanghe, incendi boschivi, ondate di calore (al momento, fino alla fine di maggio, resta in vigore la Direttiva che considera solo i rischi idrogeologico e idraulico - cft. documenti allegati).

Gli Avvisi di Criticità (comunicati che attivano lo stato di allerta), emessi dal Dirigente dell'U.O. Protezione Civile, su delega del Presidente, vengono predisposti dal Centro Funzionale Monitoraggio Rischi naturali (CFMR).

Monitoraggio

L'attività di monitoraggio e sorveglianza si basa sulla rilevazione di dati in tempo reale, acquisiti da una rete di oltre 250 stazioni di misura. Si tratta di stazioni di proprietà di ARPA e da questa gestite, che acquisiscono e trasmettono i dati prevalentemente con frequenza di 30'.
I dati, che vengono esaminati dai tecnici presenti nel Centro funzionale, costituiscono una preziosa fonte di informazioni sullo stato degli eventi naturali in atto e possono inoltre, essere utilizzati da alcuni modelli di previsione in continuo sviluppo.

Attraverso tali informazioni e con il continuo aggiornamento dei valori di soglia, è possibile ottenere una valutazione globale dei probabili effetti al suolo e dei livelli di rischio cui è soggetta la popolazione.

La Protezione Civile regionale ed alcune strutture di ARPA, in relazione alle descritte attività che assicurano, sono inserite nel sistema di allerta nazionale distribuito per il rischio idrogeologico ed idraulico.

Il cuore del sistema è costituito dal Centro funzionale, inserito nella Sala operativa di protezione civile, e collegato permanentemente con le varie sale di controllo di ARPA, tra cui il Servizio Meteorologico Regionale e le sale operative unificate Prefetture - Province.

Presso il Centro funzionale, personale tecnico qualificato, in presenza permanente h24, 365 giorni all'anno, garantisce la vigilanza continua dei parametri premonitori dei rischi naturali considerati nella Direttiva regionale sull'allertamento.

Emergenza

La Protezione Civile può intervenire su molti tipi di eventi (es. alluvione, incidenti tecnologici, incendio boschivo, manifestazioni con grande afflusso di persone, etc.), sia a seguito di un processo di allerta del sistema (es. alluvione), sia al verificarsi di un evento istantaneo (es. esplosione palazzina).

L’intervento in emergenza è tanto più tempestivo ed efficace quanto veloce la prima segnalazione dell’evento e quanto maggiori i dettagli forniti.

E’ altrettanto fondamentale che la segnalazione sia fatta alle strutture operative: in caso di evento, e in base al tipo di emergenza, si devono avvertire

* VIGILI DEL FUOCO 115
* SERVIZIO EMERGENZA SANITARIA 118
* CARABINIERI 112
* POLIZIA DI STATO 113
* CORPO FORESTALE DELLO STATO 1515


Anche la Protezione Civile regionale, attraverso la sua Sala Operativa, garantisce un centro attivo 24 ore su 24, al quale possono essere inviate segnalazioni.
Il numero da contattare è 800-061.160

Durante un’emergenza gli Enti Locali (Comuni, Province), assieme alle strutture operative, sono gli interlocutori “privilegiati” della Sala Operativa regionale, per fornire aggiornamenti sulla situazione e sulle attività di soccorso.
La Sala Operativa, che riceve notizie ed ha il quadro generale dell’emergenza, è in grado di mobilitare eventuali risorse aggiuntive in supporto agli enti locali.

Fonte: www.protezionecivile.it